Hikikomori Italia | Logo Hikikomori Italia | Libro Hikikomori Italia | Donazioni Associazione Genitori Hikikomori Italia | Eventi

giovedì 19 marzo 2020

Gli hikikomori sono misantropi (odiano il genere umano)?




"La misantropia si sviluppa quando una persona, riposto completa fiducia nei confronti di un altro che sembri essere di buon animo e veritiero, scopre poi che questa persona in realtà non lo è. Quando questo succede troppo spesso, ecco che essa comincia, inevitabilmente, a odiare tutte le persone e a non fidarsi più di nessuno."

Questa citazione di Socrate suggerisce come la misantropia, sentimento di odio e disprezzo trasversale nei confronti del genere umano, nasca spesso da un contrasto, dal dissiparsi di un'aspettativa che il soggetto aveva sviluppato e che poi è stata tradita.

L'altro aspetto chiave consiste nel processo di generalizzazione dal micro al macro. I soggetti che provocano la perdita di fiducia nel misantropo rappresentano un piccolo estratto dell'umanità, eppure le loro caratteristiche negative vengono estese e attribuite al genere umano nel suo complesso. Questo discorso vale sia per le esperienze dirette, ossia per le persone con le quali il misantropo entra in contatto nel corso della sua vita, sia per quelle proiettate attraverso i media, tendenzialmente negative e pessimistiche.

Entrambi questi passaggi mentali li abbiamo accostati spesso anche al fenomeno degli hikikomori, il cui disagio adattivo sociale porta a generare tutta una serie di meccanismi psicologici difensivi a giustificazione della propria condizione, tra i quali potrebbe esservi anche l'atteggiamento misantropo.


Losing You - LY


"La gente è stupida e malvagia"


Quando l'atteggiamento misantropo scaturisce in larga parte da violenze subite, come, per esempio, nel caso del bullismo, non è raro che il soggetto sviluppi una sensazione di superiorità nei confronti delle altre persone. Egli potrebbe percepirsi come più intelligente, maturo e moralmente integro rispetto ai propri detrattori, alimentando contestualmente, con tale atteggiamento, le vessazioni subite.

Tuttavia, capita spesso che la perdita di fiducia negli altri venga generalizzata a tal punto da ricadere anche su se stessi: se le caratteristiche negative che si ritrovano nelle persone sono interpretate come tratti distintivi dell'essere umano, allora nessuno può sfuggirvi poiché significa che il "difetto" è intrinseco nella specie.

Come ogni credenza, anche quelle misantrope tendono a cristallizzarsi e a polarizzarsi nel tempo a causa di meccanismi psicologici come l'attenzione selettiva, il bias della conferma e la profezia che si autoavvera, finendo talvolta per apparire al soggetto come verità oggettive e incontrovertibili.

Una tale interpretazione della realtà, particolarmente cinica e pessimistica, aumenterà enormemente anche il rischio di sindromi paranoidi e depressive.




I misantropi sono giovani e maschi


Secondo uno studio del 2008, l'atteggiamento misantropo riguarderebbe soprattutto la popolazione giovane e di sesso maschile, curiosamente lo stesso identico gruppo sociale che risulta essere particolarmente esposto anche al fenomeno degli hikikomori. 

Sul fatto che riguardi soprattutto i giovani, l'ipotesi è più semplice da formulare. L'adolescenza rappresenta una fase dello sviluppo caratterizzata da una forte decostruzione e ricostruzione della propria interpretazione della realtà, fino a quel momento delineata interamente dagli adulti di riferimento, genitori in primis, mentre ora messa in discussione dallo sviluppo di un pensiero critico.

In questo processo si diviene consapevoli di molti aspetti paradossali e potenzialmente turbanti delle natura umana, tra i quali vi sono anche quelli esistenziali, come, ad esempio, la finitezza. Cadono un po' tutti i miti e le fantasie legate all'infanzia, le quali vengono via via rimpiazzate da credenze più mature, crude e disilluse. L'esistenza, che appariva semplice e lineare, comincia lentamente a palesarsi in tutta la sua complessità e le sue contraddizioni.

-

Sul perché i misantropi siano soprattutto uomini, formulare ipotesi risulta più complesso. Da una prospettiva sociale, credo che i fattori scatenanti siano ancora una volta da ricercare all'interno del pesante ruolo di genere maschile.

L'uomo oggi cresce con il senso di colpa, da una parte per essere un privilegiato all'interno di un sistema ancora considerato fortemente patriarcale, dall'altro per essere (nella rappresentazione educativa e mediatica) più violento, brutale e rozzo rispetto alla donna.

L'uomo è colui che detiene il potere, che picchia, schiaccia e corrompe. Dunque, tutto ciò che è male è rappresentato nell'immaginario comune primariamente come maschile, e se è vero che la misantropia nasce spesso da un disprezzo verso se stessi, allora non stupisce che tale credenza segua la narrazione mediatica.




Gli hikikomori godono delle disgrazie altrui?


Se l'essere umano è intrinsecamente negativo, qualunque battaglia sociale risulterà al soggetto misantropo del tutto inutile e questo lo condurrà anche a sviluppare un atteggiamento apatico e passivo rispetto a un qualsiasi obiettivo di vita, sia esso personale o collettivo.

Il misantropo può arrivare anche ad auspicare l'estinzione dell'intera specie umana, poiché tale scenario viene interpretato come l'unica soluzione definitiva al problema madre, ovvero l'essere umano stesso.

Non a caso, in questo periodo complesso a causa della pandemia mondiale generata dal COVID-19, diversi utenti del canale YouTube di "Hikikomori Italia" hanno espresso esplicitamente di essere istintivamente (e talvolta razionalmente) felici dell'attuale situazione.

Il misantropo gode dunque delle disgrazie altrui? Tendenzialmente sì, ma anche in questo caso esistono diverse casiste più o meno estreme. Il fatto di ritenere razionalmente che l'essere umano dovrebbe estinguersi (sentimento che ho notato essere molto in crescita nell'ultimo periodo), non significa che si desideri necessariamente osservare dolore nel singolo individuo.



Conclusione


In passato ho parlato di come la condizione di hikikomori sia spesso favorita da un pensiero nichilista e da uno status di depressione esistenziale che conduce a una profonda perdita di senso e a un'apatia generalizzata. L'atteggiamento misantropo si inserisce all'interno di questo quadro psicologico estremamente pessimistico e cinico, non solo nei confronti dell'essere umano e della società da lui creata, ma anche verso l'esistenza stessa, vista essenzialmente come una fonte di sofferenza. 

Quest'uomo, ferito e disilluso, non concepisce come la vita possa avere un senso e trova nel disprezzo assoluto, verso gli altri e verso se stesso, l'unica forma di consolazione possibile.

Il rischio che un misantropo possa cercare di applicare attivamente il proprio odio nei confronti delle persone non è affatto remoto e, anche nel caso degli hikikomori, non bisognerebbe mai sottovalutare questo tipo di atteggiamento.
Presidente e fondatore "Hikikomori Italia"







Nessun commento:

Posta un commento