Passa ai contenuti principali

In Giappone ci sono 541.000 hikikomori



ITA | ENG

Secondo un recente sondaggio (pubblicato il 7 settembre 2016) condotto dal governo gli hikikomori tra i 15 e i 39 anni in Giappone sarebbero circa 541.000.

Vediamo nel dettaglio cosa è emerso e perché si tratta di una stima ottimistica.





  • Il sondaggio è stato condotto su un campione di 5000 famiglie con almeno un membro tra i 15 e i 39 anni. 
  • il 34,7% ha iniziato la propria reclusione tra i 20 e i 24 anni, confermando che il periodo più critico è quello immediatamente dopo la conclusione delle scuole superiori (in questo post ho cercato di capire perché);
  • il 35% è isolato da almeno 7 anni.


Perché si tratta di una stima ottimistica



Innanzitutto perché il sondaggio non tiene conto degli hikikomori con più di 40 anni, fascia di popolazione che secondo recenti studi sembra registrare un'incidenza crescente (anche a causa di hikikomori che si sono ritirati in giovane età e sono rimasti in tale condizione per così tanto tempo da superare la soglia dei 40, ovvero la "prima generazione hikikomori");

Inoltre, il Ministero della Salute giapponese considera rigidamente hikikomori solamente chi non esce dalla propria abitazione per almeno 6 mesi, non studia e non lavora. Questo esclude tutti coloro che tendono fortemente all'isolamento sociale, ma che ancora mantengono delle relazioni dirette con il mondo esterno.

Infine, bisogna tenere conto anche di quella che in psicologia viene chiamata "desiderabilità sociale". In Giappone, l'avere un figlio hikikomori è un qualcosa che viene vissuto con grande vergogna dalla famiglia, per questo motivo è possibile che alcuni partecipanti al sondaggio abbiano risposto in modo non del tutto onesto.



Leggi il libro

Quanti sono allora gli hikikomori?



A oggi fare una stima realistica di quanti siano veramente gli hikikomori è molto difficile, proprio per la natura sfuggente del fenomeno. Negli ultima anni si sono susseguiti numerosi sondaggi condotti da enti diversi e le stime emerse variano da 100.000 a 2 milioni; un range davvero troppo ampio per sperare di trovare un punto di incontro realistico.

In questo periodo in Italia si parla di 30 mila casi, ma solo pochi anni fa, nel 2013, il TG2 rilanciava una stima ridicola, ovvero che nel nostro paese ci fossero solo 50 hikikomori (non cinquanta mila, cinquanta!)

A mio parere c'è ancora molta strada da fare per comprendere a pieno cosa sia l'hikikomori ed effettuare, di conseguenza, delle stime accurate.





Leggi anche:




Commenti

  1. Potreste gentilmente linkare il link inerente questa stima (fatta in Giappone)? Mi servirebbe la fonte diretta, grazie davvero!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come si aiuta chi non vuole essere aiutato?

ITA |  ENG Molti hikikomori ritengono di non avere alcun problema e ripetono di voler essere lasciati in pace. Questo atteggiamento di rifiuto porta inevitabilmente a continui conflitti con i genitori che, invece, vorrebbero vedere il figlio condurre una vita diversa, una vita "come quella dei coetanei". I genitori più determinati, dopo lunghe battaglie, riescono a convincere i figli a recarsi da uno psicologo, ma i percorsi psicoterapeutici possono rivelarsi inconcludenti quando non vi è una reale motivazione intrinseca da parte degli hikikomori a cambiare il proprio stato. Spesso, chi accetta di essere seguito da un professionista lo fa solamente per "fare contenti gli altri" e per far cessare le pressioni dei famigliari. Losing You - LY "I o sto bene, perché volete costringermi a fare una vita diversa?" Questa è una delle principali obiezioni che potrebbe avanzare un hikikomori. E non è necessariamente una bugia. In quel momen

Come approcciare un hikikomori: buone prassi e comportamenti da evitare

ITA | ENG Avere a che fare con un hikikomori rappresenta una compito delicato per chiunque , si tratti di un genitore, di un insegnante, di un amico o di uno psicologo, dal momento che ci si trova a doversi relazionare con persone profondamente negative, sfiduciate e disilluse nei confronti dei rapporti interpersonali. Per non essere respinti bisogna cercare di aggirare le barriere che hanno eretto nei confronti del mondo sociale , evitando qualsiasi tipo di forzatura o atteggiamento supponente, ma ponendosi come degli interlocutori umili, empatici e non giudicanti. Losing You - LY In questo post ho voluto provare a riassumere i comportamenti che, sulla base della mia esperienza, si sono rivelati propedeutici a raggiungere dei risultati positivi e quelli che, al contrario, tendono a generare nell'hikikomori ulteriore chiusura e possono, talvolta, aggravarne la condizione di isolamento. Comportamenti consigliati 1. Riconoscerne la sofferenza Anche se la

I tre stadi dell'hikikomori: dai primi campanelli d'allarme all'isolamento totale

ITA |  ENG La definizione originaria giapponese di hikikomori prevede che il soggetto sia isolato completamente per un tempo minimo di 6 mesi.  Personalmente, ritengo poco sensato e scarsamente utile in termini pratici fare riferimento a tale definizione in modo rigido. L'hikikomori, per come lo intendo io, è una pulsione all'isolamento sociale che può essere più o meno intensa e meglio o peggio contrastata dal soggetto che la esperisce in base a una serie di fattori personali e ambientali (temperamento, ambiente famigliare, ambiente scolastico, ambiente sociale, ecc.). L'isolamento totale e prolungato descritto nella definizione precedentemente citata, non è che l'ultima fase di un processo graduale , ovvero quando il soggetto che percepisce la pulsione a isolarsi, decide, per una serie di concause, di abbandonarsi a essa e smettere di provare a contrastarla. Losing You - LY