lunedì 22 luglio 2013

Giappone e Corea del Sud: passato comune, prospettive diverse



Giappone e Corea del Sud sono due paesi allo stesso tempo simili e diversi. Vicini geograficamente e tradizionalmente, ma lontani nella strada intrapresa.




Il Giappone


Il paese del Sol Levante è sempre stato chiuso al mondo esterno, molto conservatore e geloso della propria cultura. Alcune espressioni di questa tendenza sono rintracciabili nella storia nella nazione. Già durante il Periodo Edo (1603-1868), infatti, fu portata avanti la politica isolazionista del sakoku (letteralmente “paese chiuso”, “blindato”), che limitava severamente il commercio e le relazioni con l’estero.

Se questa distanza in passato poteva essere giustificata anche e in parte dalla posizione geografica, al giorno d’oggi, con l’incredibile sviluppo delle comunicazioni e dei trasporti, questa plausibile ipotesi naturale perde di senso.

Più in generale, il Giappone ha sempre mantenuto una certa distanza dalla cultura occidentale, preservando volontariamente forti barriere culturali e linguistiche (anche in ambito commerciale i giapponesi usano malvolentieri l’inglese), che per certi versi rappresentano gran parte del fascino di questo paese.


La Corea del Sud


La Corea del Sud, al contrario, ha fatto propri diversi aspetti caratteristici occidentali. Nonostante la vicinissima distanza geografica con il territorio nipponico, le disuguaglianze tra i due paesi sono consistenti.

“La Corea del Sud mostra pochi dei sintomi di disordine sociale del Giappone, come l’elevato tasso di suicidi tra gli uomini, il rapido calo della popolazione, la bassa natalità record e la misteriosa sindrome degli hikikomori […]”

Questa citazione è tratta dal libro “Non voglio più vivere alla luce del sole” Michael Zielenziger, che dedica un intero capitolo al parallelo tra Corea e Giappone. Nonostante l’eccessivo tono critico dell’autore, possono essere ricavati alcuni spunti interessanti.
Per prima cosa è importante sottolineare i tanti aspetti in comune tra i due paesi:  il sistema economico, la struttura sociale, l'industriosità, disciplina e rispetto per gli anziani (elementi ereditati dal confucianesimo), reti organiche fondate sui legami di sangue e un sistema scolastico competitivo sono solo alcuni di questi.


Quando le due nazioni hanno imboccato strade differenti?


Zielenziger individua il punto di rottura nel 1997, durante la crisi economica, alla quale i due paesi hanno reagito in modo diverso.

“[…] trovandosi di fronte al disastro economico, la Corea del Sud accettava la necessità di riorganizzarsi in modo sostanziale e di aprire i propri mercati, mentre il Giappone continuava ad aspettare una ripresa spontanea. […] i coreani si assumevano la responsabilità di colmare molte delle loro lacune strutturali. I giapponesi, per contro, cercavano di oscurare e negare le colpe e mantenere il proprio isolamento.”

E arriviamo agli hikikomori. Anche qua sembrano esserci delle differenze sostanziali. Il numero di casi in Corea del Sud è infinitamente più basso rispetto a quello del Giappone. Inoltre, i coreani manifestano alcune caratteristiche diverse, per esempio mantengono un maggiore dialogo con i genitori, sui quali raramente praticato violenza, utilizzano quasi tutti internet e presentano sintomi meno aggressivi.


Perché questo confronto?


L’obiettivo è quello di mostrare l’importanza del contesto culturale nello sviluppo dell’hikikomori e mettere in evidenza le notevoli differenze con la quale la sindrome può manifestarsi anche a pochi chilometri di distanza.
Alla luce di tutto questo, è possibile fare un’ultima considerazione. Nonostante il Giappone, ad oggi, sia l’unico paese che ha mostrato evidenti meccanismi culturali favorevoli all’hikikomori, ciò non esclude che la sindrome possa mutare e adattarsi a sistemi culturali diversi manifestandosi con modalità differenti, ma egualmente antisociali. 


Nessun commento:

Posta un commento