Passa ai contenuti principali

Hikikomori and Internet addiction: let us not confuse them!

 

    ITA | ENG

More and more often, hikikomori gets confused with Internet addiction. I found this error in many articles that have appeared on the web, even prestigious newspapers.

Regarding Japanese hikikomori, it is important to point out that only a minority of them use the internet. As reported by Carla Ricci in "Hikikomori: adolescents in voluntary confinement", only 30%. This figure was later confirmed in this interview of her, released exclusively for us.

And furthermore, using the internet does not necessarily mean developing an addictive relationship with it. Most hikikomori use it as a pastime or as a simple means of escapism.

In some way, the internet represents an advantage for hikikomori, because it allows them to keep in touch (albeit virtually) with other people. In fact, hikikomori who choose not to use the internet live in a state of total isolation.

 

Why many hikikomori do not use the internet?

By isolating themselves in their own room, hikikomori want to get away from all those dynamics thatrule the social world outside their own house. Therefore, even the use of chat rooms, forums and social networks still represents a contact with the outside world and for many hikikomori this thing causes an enormous difficulty.

In addition, it is important to point out that the hikikomori phenomenon originates completely independently of the development of new technologies. In fact, in the 80's, when the phenomenon exploded in Japan, the computer and the internet were not yet part of our daily lives.

 

If hikikomori and Internet addiction were the same thing, why would have been necessary to coin a new term?

This is the question I would like to ask all those who unwisely continue to refer to hikikomori as people suffering from Internet Addiction. If that were the case, the term "hikikomori" would be completely redundant and have no reason to exist.
In Italy, due to misinformation, the word "hikikomori" is likely to become a synonym of "Internet addiction",losing in this way its peculiarities as well as its original meaning.

 

What is the relationship between hikikomori and Internet Addiction?

Hikikomori and Internet addiction are two different things. However, this does not exclude the fact that the two conditions can somehow overlap and foster each other.

It is indeed true that the state of isolation pushes the hikikomori to take refuge in the web and use it as the only means of contact with the outside world. In this case, the use of internet represents a consequence and not a cause of the isolation, though. In fact, even if over time a hikikomori were to become addicted to the internet, this would not mean that his or her isolation originated from that addiction.

On the contrary, when the abuse of the internet is what pushes the individual towards a gradual estrangement from society, then we MUST talk about "internet addiction" and not hikikomori.


The difference is substantial.

Commenti

Post popolari in questo blog

Come si aiuta chi non vuole essere aiutato?

ITA |  ENG Molti hikikomori ritengono di non avere alcun problema e ripetono di voler essere lasciati in pace. Questo atteggiamento di rifiuto porta inevitabilmente a continui conflitti con i genitori che, invece, vorrebbero vedere il figlio condurre una vita diversa, una vita "come quella dei coetanei". I genitori più determinati, dopo lunghe battaglie, riescono a convincere i figli a recarsi da uno psicologo, ma i percorsi psicoterapeutici possono rivelarsi inconcludenti quando non vi è una reale motivazione intrinseca da parte degli hikikomori a cambiare il proprio stato. Spesso, chi accetta di essere seguito da un professionista lo fa solamente per "fare contenti gli altri" e per far cessare le pressioni dei famigliari. Losing You - LY "I o sto bene, perché volete costringermi a fare una vita diversa?" Questa è una delle principali obiezioni che potrebbe avanzare un hikikomori. E non è necessariamente una bugia. In quel momen

Gli hikikomori sono misantropi (odiano il genere umano)?

"La misantropia si sviluppa quando una persona, riposto completa fiducia nei confronti di un altro che sembri essere di buon animo e veritiero, scopre poi che questa persona in realtà non lo è. Quando questo succede troppo spesso, ecco che essa comincia, inevitabilmente, a odiare tutte le persone e a non fidarsi più di nessuno." Questa citazione di Socrate suggerisce come la misantropia, sentimento di odio e disprezzo trasversale nei confronti del genere umano , nasca spesso da un contrasto, dal dissiparsi di un'aspettativa che il soggetto aveva sviluppato e che poi è stata tradita. L'altro aspetto chiave consiste nel  processo di generalizzazione dal micro al macro. I soggetti che provocano la perdita di fiducia nel misantropo rappresentano un piccolo estratto dell'umanità, eppure le loro caratteristiche negative vengono estese e attribuite al genere umano nel suo complesso. Questo discorso vale sia per le esperienze dirette, ossia per le persone co

I tre stadi dell'hikikomori: dai primi campanelli d'allarme all'isolamento totale

ITA |  ENG La definizione originaria giapponese di hikikomori prevede che il soggetto sia isolato completamente per un tempo minimo di 6 mesi.  Personalmente, ritengo poco sensato e scarsamente utile in termini pratici fare riferimento a tale definizione in modo rigido. L'hikikomori, per come lo intendo io, è una pulsione all'isolamento sociale che può essere più o meno intensa e meglio o peggio contrastata dal soggetto che la esperisce in base a una serie di fattori personali e ambientali (temperamento, ambiente famigliare, ambiente scolastico, ambiente sociale, ecc.). L'isolamento totale e prolungato descritto nella definizione precedentemente citata, non è che l'ultima fase di un processo graduale , ovvero quando il soggetto che percepisce la pulsione a isolarsi, decide, per una serie di concause, di abbandonarsi a essa e smettere di provare a contrastarla. Losing You - LY