Hikikomori Italia | Logo Hikikomori Italia | Libro Hikikomori Italia | Donazioni Associazione Genitori Hikikomori Italia | Eventi

L'intervento psicoeducativo domiciliare per hikikomori: progetto sperimentale in Lazio




In questo articolo verrà esposto l’intervento psicoeducativo domiciliare così come è stato progettato e realizzato dall’Area Psicologica dell’Associazione Hikikomori Italia per il Lazio. Prima di entrare nel dettaglio, però, è doverosa una premessa che inquadri il contesto ed il modello di riferimento.

Il primo testo scientifico in cui compare il termine "psicoeducativo" è del 1986 (Hogarty e coll.) e viene usato per indicare un tipo specifico di intervento rivolto non solo all’individuo ma anche alla famiglia. L’opportunità di coinvolgere la famiglia del trattamento del disagio è ormai un dato scientifico comprovato nell’ambito della psicologia per alcuni specifici disagi. La maggior parte degli studi, infatti, dimostra la necessità di coinvolgere il nucleo famigliare come prerequisito indispensabile per l’efficacia e l’efficienza dell’intervento in determinate tipologie di problematiche. Per il modello “psicoeducativo” è proprio la famiglia ad essere vista come una risorsa per affrontare e risolvere il disagio e sicuramente l’isolamento sociale volontario rientra perfettamente in questa visione.





Come affermato da numerosi studiosi del fenomeno, infatti, nell’hikikomori si riscontra un malfunzionamento del sistema di comunicazioni tra l’individuo, la famiglia e la società (Saito, 2003): una causalità di tipo circolare con influenze reciproche. E ancora, il problema non è il ragazzo, piuttosto esso si può ritrovare nel sistema di comunicazioni e relazioni che si è “rotto”; affinché il ragazzo possa cambiare è necessario che lo facciano anche gli adulti (Fogel, Kawai, 2006).

Da qui, ossia dal modello psicoeducativo di Hogarty (e di altri ricercatori) e dalle valutazioni dei principali specialisti internazionali in tema hikikomori, nasce la nostra riflessione sulla possibilità di sviluppare un protocollo operativo che preveda un intervento psicoeducativo domiciliare per la persona in isolamento, associato ad una serie di colloqui sulle competenze genitoriali destinate alla famiglia.

A nostro avviso, il lavoro sui genitori è un requisito indispensabile per la riuscita dell’intervento. Non possiamo pensare che un individuo, che nella maggior parte dei casi passa 24h al giorno all’interno della propria casa o comunque che è a contatto esclusivamente con i genitori, possa riuscire a superare il suo disagio senza che si agisca anche sul sistema in cui è inserito. Troppo spesso da noi arrivano genitori che, in modo più o meno esplicito, ci incaricano del mandato di aggiustare il loro figlio “rotto”. Ciò non è professionalmente possibile per noi psicologi/psicoterapeuti che lavoriamo costantemente con questo fenomeno. I casi trattati con successo, infatti, hanno sicuramente una caratteristica in comune: il coinvolgimento attivo dei genitori! Queste persone hanno lavorato duramente, a volte con dolore e fatica (si, non è sicuramente facile), esprimendo le loro emozioni, le angosce, le paure, la rabbia; si sono messe in gioco, hanno sperimentato, hanno chiesto aiuto, sono cadute e si sono rialzate durante un percorso che non è stato breve ma che, alla fine, ha permesso di vedere il traguardo tanto agognato.


L'Emotività Espressa

Per comprendere meglio il ruolo famigliare nel fenomeno degli hikikomori, prendo in prestito il concetto di Emotività Espressa (EE), sviluppato a partire dagli studi del gruppo di ricerca di G. Brown presso il Medical Research Council di Londra nel 1958.

Per Emotività Espressa si intende l’indice della “temperatura emotiva” in famiglia: “un indicatore dell’intensità della risposta emotiva dell’ ambiente famigliare in un dato momento temporale: Essenzialmente l’indice è un rivelatore della mancanza di affetto del familiare o del suo interessamento eccessivamente invadente nei confronti del paziente” (C. Vaughn,1988).

Questo significa che i poli opposti (entrambi evidentemente disfunzionali) sono due:
  1. mancanza di affetto famigliare (rifiuto della persona, critiche eccessive, ostilità, atteggiamenti passivo aggressivi)
  2. invadenza eccessiva (eccessivo coinvolgimento nella vita del figlio, controllo, sostituzione, iperidentificazione, sacrifici per il bene del figlio, risposte emotive eccessive, drammatizzazione)

Le famiglie ad alta EE solitamente sono quelle che si sostituiscono al figlio nelle azioni quotidiane o nei pensieri (“dovresti fare questo, è per il tuo bene”, “io so cosa è giusto per te”), controllano costantemente; si avvicinano cercando il contatto senza osservare le risposte verbali o non verbali dell’altro; sono svalutanti, conflittuali, criticano in maniera più o meno esplicita ogni tentativo di autonomia e/o di ribellione (perché o non è abbastanza oppure perché è troppo).

Le famiglie a bassa EE, invece, sono in grado di sintonizzarsi con la persona, di avvicinarsi quando è il momento e di allontanarsi se la situazione lo richiede; sono in grado di comunicare prendendo in considerazione la prospettiva dell’altro; lasciano alla persona la possibilità di sbagliare, di cadere e di rialzarsi.

Secondo Minuchin e coll. (1978) la principale criticità di queste famiglie è che ci sono ruoli confusi, individualizzazione esasperata e tentativi continui di mantenere l’equilibrio, seppur disfunzionale, negando invece “inconsciamente” che ci sia bisogno di un cambiamento del sistema per riuscire finalmente a risolvere il problema.
Questo non vuole essere un puntare il dito, o un colpevolizzare dei genitori già provati di loro. Come dico spesso non esistono colpe ma responsabilità: il senso di colpa blocca mentre l’assunzione di responsabilità permette il cambiamento. Ed è questo che voglio trasmettere attraverso ciò che ho esposto: la necessità di prendere consapevolezza dell’importanza del vostro ruolo cari genitori. Sappiamo che tutto ciò che avete fatto lo avete portato avanti convinti di fare il bene di vostro figlio, ma a volte questo non basta. Senza contare che “Se fai quello che hai sempre fatto, otterrai quello che hai sempre ottenuto” (A. Robbins).

Quindi per riuscire ad aiutare i vostri figli noi professionisti abbiamo bisogno di voi. Non è un’ammissione di debolezza da parte nostra (anzi!) ma una presa di coscienza che non ce la possiamo fare senza voi genitori!


La nostra esperienza

Dopo questa lunga premessa torniamo agli interventi psicoeducativi domiciliari, così come sono stati progettati nel Lazio, e che sono (come già accennato) volti sia alla singola persona in isolamento (incremento di competenze individuali, relazionali e sociali) che alla famiglia (diminuzione dello stress, dell’emotività espressa, creazione di comunicazioni funzionali, incremento delle competenze genitoriali) al fine di intervenire sul disagio e ridurre il rischio di ricaduta.

Indispensabile è il lavoro di equipe, a tal proposito il progetto è stato impostato nel seguente modo: la richiesta arriva alla mail istituzionale dell’area psicologica dell’Associazione hikikomori Italia (solitamente da parte dei genitori), una delle due coordinatrici psicologhe si mette in contatto con il/i genitore/i per fissare un colloquio conoscitivo in cui verrà fatta un’accurata analisi della domanda e valutata la fattibilità dell’intervento. Successivamente verrà selezionato lo psicologo più idoneo al caso (per interessi comuni, esperienza e vicinanza di età anagrafica) che inizierà il processo di contatto e di creazione di una relazione con la persona in isolamento sociale volontario. Questa fase è molto delicata e può richiedere anche molto tempo perché, come ben sa chi si occupa del fenomeno, gli hikikomori sono persone che hanno perso fiducia sia nell’altro che nelle relazioni interpersonali e hanno bisogno di tempo per fidarsi e affidarsi a qualcuno. Per questo motivo per l’intervento a domicilio sono stati selezionati esclusivamente psicologi/psicoterapeuti con esperienza domiciliare e formati in ambito hikikomori; oltre a ciò è stata valutata la necessità di trovare professionisti non lontani dall’età anagrafica delle persone in isolamento in modo tale da riuscire ad entrare meglio in relazione con loro. I genitori, invece, sono seguiti dallo psicoterapeuta referente di zona con esperienza in ambito famigliare e nell’isolamento sociale volontario.

Nello specifico gli obiettivi generali dell’intervento psicoeducativo domiciliare sono:

  • attivazione di risorse personali e famigliari;
  • incremento dell’autostima, del problem solving e dell’autonomia;
  • (ri)acquisizione di un senso esistenziale e di un progetto di vita sviluppando interessi, passioni e competenze individuali;
  • miglioramento del funzionamento sociale (sia dell’individuo che della famiglia) e diminuzione conseguente dell’isolamento;
  • sviluppo delle capacità comunicative e relazionali (sia intrafamigliari che extrafamigliari);
  • attivazione di strategie di coping funzionali e di problem solving (sia della persona in isolamento che della famiglia);
  • aumentare la conoscenza sul fenomeno hikikomori (per la famiglia).

Gli incontri domiciliari, per essere efficaci, hanno bisogno di un tempo adeguato (sia per durata che per frequenza) e, per questo motivo, si è stabilita una cadenza almeno bimensile. Per quanto riguarda i colloqui a studio (essenziali per la prosecuzione dell’intervento domiciliare) dei genitori con gli psicoterapeuti, invece, la frequenza è mensile. Entrambi i professionisti (sia quelli domiciliari che a studio) collaborano costantemente in sinergia al fine di perseguire gli stessi obiettivi e valutare l’efficacia dell’intervento. Sovente gli stessi sono in contatto con professionisti del territorio già attivi sul caso (psichiatri, neuropsichiatri, assistenti sociali, insegnanti etc…) sempre nella consapevolezza che il lavoro di rete è una risorsa indispensabile per agire efficacemente sull’isolamento sociale volontario.

A conclusione dell’articolo vorrei ringraziare tutti i colleghi psicologi dell’equipe del Lazio e la dott.ssa Rosanna D’Onofrio, che condivide con me il ruolo di coordinamento nel Lazio, per la passione, l’impegno ed il continuo confronto su un fenomeno ancora troppo poco trattato nel nostro ambito professionale.



Dott.ssa Chiara Illiano, psicologa e psicoterapeuta, coordinatrice Area Psicologica dell’Associazione Hikikomori Italia per il Lazio




Seguici su 

Nessun commento:

Posta un commento