Passa ai contenuti principali

"L'hikikomori? Una reazione difensiva dell'ego" - intervista al Dr.Tamaki Saito




Tamaki Saito è stato tra i primi psichiatri giapponesi a occuparsi del fenomeno degli hikikomori, tanto da essere diventato un punto di riferimento mondiale sul tema.





Lei si occupa di hikikomori, ma simpatizza per loro? 


Sì, perché c'è stato un momento nel quale anche io sarei potuto diventare un hikikomori, anche se non so dire di preciso quando. Per esempio, se avessi fallito il passaggio all'anno successivo quando ero al college, oppure se avessi fallito l'esame nazionale, sarei potuto tornare a casa nella mia città natale e diventare un hikikomori.

Per questo motivo penso di capire molto bene come si sentono. Mi preoccupo di cosa le persone pensano di me; se io fossi tornato a casa sarei stato nervoso e avrei avuto difficoltà a uscire. E capisco anche che gli hikikomori possano avere dei sentimenti negativi nei confronti dei loro genitori se questa situazione si dovesse protrarre per 2 o 3 anni.


Ha mai desiderato di essere un hikikomori?


Sicuramente, persino ora lo farei se solo ci fosse un'uscita di emergenza. Se ci fosse un bottone che mi facesse smettere di essere un hikikomori dall'oggi al domani. Il pericolo è che se la condizione di isolamento comincia, non ci sarà un'interruzione. Se ne diventi dipendente, poi diventa difficile uscirne, non importa quanto lo desideri. Questo è il meccanismo dell'hikikomori. Questo è il motivo per cui io non voglio provare a vivere in una situazione del genere.

L'hikikomori deriva da una reazione difensiva che mira a proteggere il proprio ego. Tu vuoi proteggere te stesso tagliando le connessioni sociali quando sei esausto o particolarmente stressato. So che non ci sono bottoni di emergenza come quello che ho immaginato prima, ecco perché non posso essere un hikikomori anche se a volte lo desidero.


Ci sono persone che diventano hikikomori e persone che invece non prendono questa strada. Cosa le differenzia?


Potrei dire "il caso". Una persona può accidentalmente trovarsi a passare tanto tempo in casa per un po' di anni. Chiunque può diventarlo, anche se alcune persone affermano il contrario.

Le ragioni possono essere la frequenza di una scuola problematica, l'aver subito bullismo, oppure l'aver fallito un test di ingresso, e così via. Può cominciare per il semplice caso.

Quando sei intrappolato in questa situazione, i tuoi genitori possono non capire cosa ti stia succedendo, possono cominciare a lamentarsi di te per anni e spingerti in un angolo. Tutto ciò aggrava la tua condizione. Ma se a quel punto i tuoi genitori cominciano a mostrare un po' di compassione e ti fanno sentire più sereno e a tuo agio, la situazione potrebbe migliorare.

Ho sentito di casi terribili. "I miei genitori minacciavano di buttarmi fuori di casa se fossi diventato un hikikomori", mi raccontano alcuni.

Ecco perché sostengo che dipenda dal caso. L'atteggiamento dei genitori nei tuoi confronti, la scuola che frequenti, dove vivi... tutti questi fattori combinati assieme posso portare a farti diventare un hikikomori o  meno.

Io non credo che le esperienze dell'infanzia abbiano alcun impatto sull'hikikomori. Le statistiche mostrano che le persone introverse sono più portate a diventare hikikomori, ma ci sono anche molti hikikomori estroversi. Pertanto non c'è un modo giusto per crescere un bambino senza il rischio che possa diventare un hikikomori.

Certo... se i tuoi genitori conoscessero bene la nozione di hikikomori e ti dicessero fin dalle medie che si prenderanno cura di te solo finché avrai 25 anni, se te lo dicessero ogni anno, probabilmente non diventeresti un hikikomori.

           Intervistatore: in realtà i miei genitori mi dicevano che non si sarebbero presi cura di me una volta terminata l'università. Io fui obbligato a svolgere moltissimi compiti per un lungo periodo. Dicevano che era necessario per permettermi di camminare con le mie gambe in futuro. Io mi ammalai mentalmente e divenni un hikikomori. Caddi in depressione.

I tuoi genitori si preoccupano eccessivamente. Probabilmente è stato troppo duro per te sentirtelo dire così spesso. Potresti non aver percepito nessun amore da loro. I genitori dovrebbero correggere il loro modo di comprendere.




Commenti

Post popolari in questo blog

Come si aiuta chi non vuole essere aiutato?

ITA |  ENG Molti hikikomori ritengono di non avere alcun problema e ripetono di voler essere lasciati in pace. Questo atteggiamento di rifiuto porta inevitabilmente a continui conflitti con i genitori che, invece, vorrebbero vedere il figlio condurre una vita diversa, una vita "come quella dei coetanei". I genitori più determinati, dopo lunghe battaglie, riescono a convincere i figli a recarsi da uno psicologo, ma i percorsi psicoterapeutici possono rivelarsi inconcludenti quando non vi è una reale motivazione intrinseca da parte degli hikikomori a cambiare il proprio stato. Spesso, chi accetta di essere seguito da un professionista lo fa solamente per "fare contenti gli altri" e per far cessare le pressioni dei famigliari. Losing You - LY "I o sto bene, perché volete costringermi a fare una vita diversa?" Questa è una delle principali obiezioni che potrebbe avanzare un hikikomori. E non è necessariamente una bugia. In quel momen

Gli hikikomori sono misantropi (odiano il genere umano)?

"La misantropia si sviluppa quando una persona, riposto completa fiducia nei confronti di un altro che sembri essere di buon animo e veritiero, scopre poi che questa persona in realtà non lo è. Quando questo succede troppo spesso, ecco che essa comincia, inevitabilmente, a odiare tutte le persone e a non fidarsi più di nessuno." Questa citazione di Socrate suggerisce come la misantropia, sentimento di odio e disprezzo trasversale nei confronti del genere umano , nasca spesso da un contrasto, dal dissiparsi di un'aspettativa che il soggetto aveva sviluppato e che poi è stata tradita. L'altro aspetto chiave consiste nel  processo di generalizzazione dal micro al macro. I soggetti che provocano la perdita di fiducia nel misantropo rappresentano un piccolo estratto dell'umanità, eppure le loro caratteristiche negative vengono estese e attribuite al genere umano nel suo complesso. Questo discorso vale sia per le esperienze dirette, ossia per le persone co

I tre stadi dell'hikikomori: dai primi campanelli d'allarme all'isolamento totale

ITA |  ENG La definizione originaria giapponese di hikikomori prevede che il soggetto sia isolato completamente per un tempo minimo di 6 mesi.  Personalmente, ritengo poco sensato e scarsamente utile in termini pratici fare riferimento a tale definizione in modo rigido. L'hikikomori, per come lo intendo io, è una pulsione all'isolamento sociale che può essere più o meno intensa e meglio o peggio contrastata dal soggetto che la esperisce in base a una serie di fattori personali e ambientali (temperamento, ambiente famigliare, ambiente scolastico, ambiente sociale, ecc.). L'isolamento totale e prolungato descritto nella definizione precedentemente citata, non è che l'ultima fase di un processo graduale , ovvero quando il soggetto che percepisce la pulsione a isolarsi, decide, per una serie di concause, di abbandonarsi a essa e smettere di provare a contrastarla. Losing You - LY