Passa ai contenuti principali

Chat




Chat Supporto




Si tratta della chat che vi compare in basso a destra del vostro browser. È uno strumento pensato per coloro che soffrono, direttamente o indirettamente, a causa di una condizione di isolamento sociale (o di qualche altra problematica direttamente connessa) e sentono il bisogno di potersi confrontare con qualcuno.

✔ Se il bollino della chat è verde, significa che un nostro operatore è online e vi potrà rispondere prontamente.

⛔ Se il bollino della chat è rosso, significa che non ci sono operatori online, ma potete comunque scrivere un messaggio. Un nostro operatore vi risponderà il prima possibile attraverso l'indirizzo mail che avete fornito.


Regolamento

  • la chat non va intesa come sostituto di un aiuto reale;
  • il compito degli operatori è quello di comprendere la natura del problema e indirizzare l'utente verso il supporto a lui più congeniale;
  • l'operatore che risponde è sempre differente e non è tenuto a rivelare la propria identità all'utente (non è possibile chiedere di parlare con lo stesso operatore precedentemente consultato);
  • la durata delle conversazioni è a discrezione dell'operatore, ma è da intendersi come limitata nel tempo e finalizzata all'invio verso un supporto esterno.

Attenzione: la chat non ha scopo terapeutico e non va intesa come sostituto di un aiuto reale.


Chat Libera




Si tratta di una chat esterna al sito che sfrutta l'applicazione Telegram. È pensata per offrire agli utenti della community uno spazio dove potersi conoscere e confrontare sulla propria esperienza di isolamento.

È possibile partecipare anche in forma anonima scegliendo un nickname e non è necessario avere installato il programma Telegram (esiste una versione per il web). L'unico dato richiesto in fase di registrazione è il numero di telefono (che può essere nascosto una volta all'interno del gruppo).

La chat è auto-moderata dagli stessi utenti che la animano. Prima di entrare nella chat vera e propria, infatti, sarete chiamati a presentarvi in una chat filtro nella quale sono presenti solamente i moderatori.


Regolamento:

  • la chat è pensata per ragazzi e ragazze con problemi di isolamento sociale e difficoltà relazionali, attuali o trascorse. Offre la possibilità di conoscersi e di condividere la propria esperienza (si invita a utilizzare la chat esclusivamente per tale finalità);
  • chi entra non è costretto ad interagire, ma è gradita una breve presentazione;
  • è obbligatorio il rispetto verso tutti gli utenti della chat;
  • la chat NON va intesa come sostituto di un aiuto reale;
  • la chat NON è supervisionata da psicologi. Chi sentisse l'esigenza di un aiuto concreto e immediato è invitato a rivolgersi a un professionista competente e a non creare allarmismi;
  • è permesso entrare complessivamente in massimo 2 chat (1 nazionale e 1 locale) ed è obbligatorio attenersi fedelmente alla propria età e regione di residenza;
  • chi non rispetta tale regolamento può essere segnalato a un moderatore ed escluso definitivamente dalla chat.

Attenzione: "Hikikomori Italia" non si assume alcuna responsabilità per ciò che viene scritto o compiuto da parte degli utenti iscritti, i quali sono gli unici responsabili delle proprie azioni.


Chat Nazionali




Post popolari in questo blog

Come si aiuta chi non vuole essere aiutato?

ITA |  ENG Molti hikikomori ritengono di non avere alcun problema e ripetono di voler essere lasciati in pace. Questo atteggiamento di rifiuto porta inevitabilmente a continui conflitti con i genitori che, invece, vorrebbero vedere il figlio condurre una vita diversa, una vita "come quella dei coetanei". I genitori più determinati, dopo lunghe battaglie, riescono a convincere i figli a recarsi da uno psicologo, ma i percorsi psicoterapeutici possono rivelarsi inconcludenti quando non vi è una reale motivazione intrinseca da parte degli hikikomori a cambiare il proprio stato. Spesso, chi accetta di essere seguito da un professionista lo fa solamente per "fare contenti gli altri" e per far cessare le pressioni dei famigliari. Losing You - LY "I o sto bene, perché volete costringermi a fare una vita diversa?" Questa è una delle principali obiezioni che potrebbe avanzare un hikikomori. E non è necessariamente una bugia. In quel momen

Gli hikikomori sono misantropi (odiano il genere umano)?

"La misantropia si sviluppa quando una persona, riposto completa fiducia nei confronti di un altro che sembri essere di buon animo e veritiero, scopre poi che questa persona in realtà non lo è. Quando questo succede troppo spesso, ecco che essa comincia, inevitabilmente, a odiare tutte le persone e a non fidarsi più di nessuno." Questa citazione di Socrate suggerisce come la misantropia, sentimento di odio e disprezzo trasversale nei confronti del genere umano , nasca spesso da un contrasto, dal dissiparsi di un'aspettativa che il soggetto aveva sviluppato e che poi è stata tradita. L'altro aspetto chiave consiste nel  processo di generalizzazione dal micro al macro. I soggetti che provocano la perdita di fiducia nel misantropo rappresentano un piccolo estratto dell'umanità, eppure le loro caratteristiche negative vengono estese e attribuite al genere umano nel suo complesso. Questo discorso vale sia per le esperienze dirette, ossia per le persone co

I tre stadi dell'hikikomori: dai primi campanelli d'allarme all'isolamento totale

ITA |  ENG La definizione originaria giapponese di hikikomori prevede che il soggetto sia isolato completamente per un tempo minimo di 6 mesi.  Personalmente, ritengo poco sensato e scarsamente utile in termini pratici fare riferimento a tale definizione in modo rigido. L'hikikomori, per come lo intendo io, è una pulsione all'isolamento sociale che può essere più o meno intensa e meglio o peggio contrastata dal soggetto che la esperisce in base a una serie di fattori personali e ambientali (temperamento, ambiente famigliare, ambiente scolastico, ambiente sociale, ecc.). L'isolamento totale e prolungato descritto nella definizione precedentemente citata, non è che l'ultima fase di un processo graduale , ovvero quando il soggetto che percepisce la pulsione a isolarsi, decide, per una serie di concause, di abbandonarsi a essa e smettere di provare a contrastarla. Losing You - LY